Spam Roma

9-16 ottobre |
Il festival dell'architettura di Roma

9-16 ottobre |
Il festival dell'architettura di Roma

spam: settimana del progetto di architettura nel mondo

SPAM è l’acronimo della Settimana del Progetto di Architettura nel Mondo: dopo la prima grande edizione, che ha ospitato 120 lecture, ospitato più di 4.500 persone, più di 400 bambini e giovani e raggiunto sui social oltre i 100 mila follower, anche nell’edizione 2020 il festival punta a offrire un outlook aggiornato sulla progettazione a scala internazionale, con il coinvolgimento di architetti, studiosi e critici, professionisti, artisti, istituzioni.
 
SPAM si propone come appuntamento in cui la contaminazione di idee intorno al tema del progetto, cercherà spazio e diffusione nelle università e nelle accademie, nelle città, sui tavoli programmatici della politica, nelle associazioni di cittadini, sulle riviste e, in generale, ovunque si discuta del futuro delle città.
SPAM è un festival promosso dall’Ordine degli Architetti di Roma e dalla Casa
dell’Architettura, con l’intento di far crescere una rinnovata cultura del progetto. È una manifestazione che vuole porre l’attenzione sui problemi e le tematiche che regolano le trasformazioni urbane, sociali ed economiche delle grandi metropoli contemporanee, con un focus specifico sulla capitale.
 
SPAM  sarà dal 9 al 16 ottobre 2020
alla Casa dell’Architettura, a Roma (piazza Manfredo Fanti, 47), sede dell’Ordine degli Architetti di Roma. La location sarà allestita come uno studio tv in modo da consentire la massima interattività e partecipazione anche da video call, per godere dell’evento e affrontare nel miglior modo possibile l’attuale condizione d’emergenza mondiale.

NEEDS: the things YOU must have for a satisfactory life

FRAGILE, TRANSITION, EDUCATION, HERITAGE, URBAN METABOLISM, CO-CITY, HEALTH, LEISURE & GREEN sono i temi che ci accompagneranno a SPAM 2020 attraverso lecture, focus tematici e tavole rotonde per mettere a fuoco le dinamiche e i meccanismi che regolano le nostre città.
+ C’è il bisogno di storia, di riconnettersi alle rovine e alla memoria dei paesaggi urbani, fonte d’identità profonda, connessione culturale e pedagogica delle narrazioni individuali.
+ C’è bisogno di lavoro, di capire in che modo il progetto degli spazi sia cambiato, come produrre nuove possibilità, come lo spazio della città possa influenzare lo sviluppo di attività lavorative.
+ C’è bisogno di politica.Nuovi focus legati alle politiche urbane vedranno il confronto tra sindaci e amministratori nazionali ed internazionali, si discuterà di economia urbana, di tempo e di programmi, si cercherà di indagare dati e tendenze dei nuovi cicli economici.
+ C’è bisogno di riprogettare il metabolismo produttivo urbano, di integrare città e comparti produttivi secondo principi di sostenibilità, ecologia ed estetica. Parleremo dell’agricoltura urbana e della produzione sostenibile.
Il Covid-19 ha modificato alcune certezze e SPAM 2020 ne terrà conto indagando le conseguenze permanenti dell’epidemia e i cambiamenti nelle abitudini e nel modo di concepire gli spazi e il lavoro.
+ C’è bisogno di rimettere al centro la salute delle persone e studiare le sue relazioni con l’ambiente, anche in relazione ai cambiamenti climatici e alle conseguenze della globalizzazione. Roma, al pari delle altre città nel mondo, sta già rispondendo alle sfide contemporanee. Per questo l’obiettivo è portare alla luce le esperienze positive e i processi in atto, anche con la speranza che il festival dell’Architettura di Roma costituisca un’infrastruttura, sia collettore e generatore di network urbani, collaborazioni, scambio di sapere, di conoscenze locali.
Needs sarà una grande occasione di confronto con altre città italiane e del mondo, di capire come in diversi contesti si stanno affrontando le tante questioni urbane. Roma, può declinare queste istanze e dare le sue risposte? Certamente e lo strumento è ancora una volta il progetto, inteso nel senso più ampio, e l’Architetto deve interpretare i bisogni e coordinare una rete di professionalità diverse per offrire visioni e soluzioni adeguate a un periodo in cui i cambiamenti sociali sono rapidi e continui.
 
topics
10 fragile
+la città dei bambini +anziani +walkscapes +mobilità e percorsi +spazio pubblico +playgrounds
 
 
11 LIVING & transition
+nomadismo +accoglienza +studenti +gentrificazione +immigrazione +turismo +B&B
 
12 education
+ricerca e territori +scuola & innovazione +educazione allo spazio +studenti e rigenerazione
 
13 HERITAGE
+identità +appartenenza +carattere, luce, colore +patrimonio +memoria +digitalizzazione +archivi
14 URBAN METABOLISM
+produzione +filiera +km0 +agricultura e città +economia dello scarto +smaltimento e paesaggio +hub del riciclo +depurazione +zero energy
 
15 HEALTH, LEISURE & GREEN
+active building +relax +sport +tempo libero +cultura +benessere e socialità +movida +architettura termale
 
16 CO-CITY
+cohousing +coworking +codesign +città collaborativa +beni comuni +strategie urbane +sharing economy +amministrazione condivisa