Spam Roma

9-16 ottobre |
Il festival dell'architettura di Roma

9-16 ottobre |
Il festival dell'architettura di Roma

speakers bio

11 living & transition
Teresa Sapey (ITA-ESP)
Lecture

Teresa Sapey è un architetto, designer ed artista italiana.

Si è laureata in architettura al Politecnico di Torino nel 1985 e ha completato il suo percorso di studi a Parigi, dove ha ottenuto la laurea in Belle Arti alla Parson School of Design ed un Master a La Villette. Nel 1990 si è trasferita a Madrid, dove ha fondato il suo studio. Al momento presiede una cattedra all’Istituto Europeo di Design di Madrid ed è professore ospite di diverse università internazionali (McGill Montreal University, Carleton Universtity of Otawa, the University of Waterloo in Toronto, e the Domus Academy in Milan).
Il suo lavoro è stato riconosciuto attraverso numerosi premi in giro per il mondo, tra cui, insieme a molti altri, il Premio per l’Architettura d’Interni di Madrid, il premio “Women Together” attribuito dall’Unione Europea, l’onorevole titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana commendatole dal governo italiano, e il premio di Studio d’Interni, delegato annualmente da Architectural Digest 8.
Inoltre, l’architetto ha eseguito numerosi progetti tra cui il parcheggio per l’Hotel Puerta de America e quello in centro a Madrid, in Plaza Vazquez de Mella. Nel 2007, Teresa vince il concorso per ristrutturare il Palazzo degli Sport di Madrid e, nel 2012, diviene responsabile dell’allestimento della facciata della stazione Nord di Madrid. Recentemente ha completato l’hotel Room Mate Bruno a Rotterdam, lo showroom di Gancedo a Madrid e l’allestimento per il VIP di ARCO Madrid 2020.

“Il mio obiettivo è quello di lavorare con lo spazio in modo tale da creare e trasmettere ogni tipo di emozione. Fa lo stesso a chi piace il mio lavoro e a chi no, l’importante è l’emozione e la sua trasmissione. Dal mio punto di vista, l’architettura dovrebbe essere capace di creare sentimenti ed emozioni di ogni tipo, in modo tale da poter essere sia funzionale sia emotiva”